Sei su: Arte cultura e tradizioni Scoperti in Iran i graffiti rupestri più antichi dell'umanità?

Scoperti in Iran i graffiti rupestri più antichi dell'umanità?

E-mail Stampa PDF
FacebookGoogle bookmarkTwitterLinkter.huDiggUrlGuru.hu
arte rupestre.jpg

Potrebbero trovarsi in Iran i graffiti rupestri più antichi della storia dell'umanità. A compiere la straordinaria scoperta è stato l'archeologo iraniano Mohammed Naserifard che ha rivelato di essersi imbattuto in questi anni in alcune incisioni realizzate da mano umana su una collina nei pressi della città di Khomeyn, a 300 chilometri circa dalla capitale Teheran.

Secondo l'esperto, i graffiti rupestri risalirebbero addirittura a più di 40.000 anni fa e nel corso di tutto questo tempo sarebbero stati osservati soltanto da un numero limitato di persone. L'area geografica interessata è infatti caratterizzata da deserti e rocce che non hanno certamente agevolato gli spostamenti umani.

Neppure gli archeologi che da anni lavorano in queste zone sperdute sono riusciti a fare molto. Le sanzioni inflitte all'Iran dagli Stati Uniti e da altre potenze mondiali prima dell'accordo sul nucleare del 2015 hanno impoverito le risorse a disposizione degli scienziati autoctoni, privandoli della tecnologia necessaria per compiere rilievi e scavi.

«Ero davvero entusiasta, scoprire questi disegni è stato come trovare un tesoro. Purtroppo le sanzioni internazionali ci hanno privato della tecnologia. Speriamo di poter presto portare questa tecnologia in Iran e di ottenere informazioni più accurate e scientifiche su queste incisioni» ha dichiarato Naserifad ad Agence France-Presse.

Al momento, dunque, non è nemmeno possibile datare con certezza l'età effettiva di questi graffiti rupestri ma l'archeologo sembra non avere dubbi. Le incisioni potrebbero risalire anche all'epoca delle migrazioni dell'homo sapiens dall'Africa verso l'Europa e l'Asia meridionale. Tra i disegni visibili è possibile identificare le figure di diversi animali, tra cui uno stambecco dalle corna arricciate.

I graffiti rupestri in Iran non sono gli unici disegni scoperti da Naserifad nel corso della sua vita. In questi anni l'archeologo iraniano sarebbe riuscito a riportare alla luce più di 50.000 testimonianze tra dipinti ed incisioni. Molte delle sue scoperte sono state registrate dalla Fondazione Bradshaw, un'organizzazione svizzera che si occupa della catalogazione di arte rupestre nel mondo.

Fonte Foto: www.timesofisrael.com

http://cdn.timesofisrael.com/uploads/2016/12/000_HH0IX-e1481498239506.jpg

Salvatore Rocca

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni privacy policy.

Accetto i Cookie da questo sito.