30-04-2017 16:45

OGGIMEDIA.IT

News, curiosità e tendenze sul web

Sei su: Home
110 chilogrammi

porto di salerno.jpgUn carico davvero stupefacente. Nel corso di un'indagine coordinata dalla Procura Distretturale della Repubblica di Catania, i militari della Guardia di Finanza etnea hanno sequestrato 110 chilogrammi di cocaina su una nave bloccata nei giorni scorsi al Porto di Salerno.

Il carico di cocaina doveva essere destinato ad approdare al Porto di Palermo, in Sicilia, ma è rimasto fermo allo scalo commerciale campano all'interno di un container. La “merce” era arrivata a Salerno lo scorso fine settimana a causa della modifica di una tratta che avrebbe altrimenti condotto lo stupefacente nell'isola.

Sorpresi da questo contrattempo, i trafficanti avevano dunque deciso di trasportare i 110 chilogrammi di cocaina su strada, ma la presenza delle Fiamme Gialle ha fatto saltare anche il “piano b”. La droga, a quanto pare proveniente dalla Colombia, farebbe parte di un grande traffico internazionale di stupefacenti manovrato dalla criminalità organizzata.

La Procura di Catania, che monitorava da mesi i traffici illegali, ha emesso quattro fermi nelle città di Palermo e Frosinone. Due arresti sono stati eseguiti in Sicilia, mentre una terza persona è stata fermata nel Lazio. All'appello mancherebbe un quarto soggetto, attualmente irreperibile.

Le persone arrestate a Palermo sarebbero direttamente connesse con la mafia palermitana. Una di queste sarebbe consanguinea di un influente capomafia del quartiere Brancaccio, attualmente rinchiuso in carcere per scontare un 41bis.

Fonte Foto: www.tvoggisalerno.it

http://www.tvoggisalerno.it/wp-content/uploads/2016/10/Salerno-Porto3.jpg

Salvatore Rocca

 
Powered by Tags for Joomla

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni privacy policy.

Accetto i Cookie da questo sito.