28-05-2017 22:30

OGGIMEDIA.IT

News, curiosità e tendenze sul web

Sei su: Cronaca Vittoria: giovane, colta, combattiva e transgender

Vittoria: giovane, colta, combattiva e transgender

E-mail Stampa PDF
FacebookGoogle bookmarkTwitterLinkter.huDiggUrlGuru.hu
Vittoria: giovane, colta, combattiva e transgender

Vittoria ha ventitré anni, lunghi capelli rossi e studia Comunicazione. «Attualmente sono l’unica studentessa transessuale dichiarata a Catania e vivo ogni giorno i problemi legati a ignoranza, pregiudizio e quelli provocati da una legislazione inadeguata». Vittoria è nata in un corpo maschile e fin dall’infanzia sapeva che non le apparteneva. «Dopo aver preso la maturità, ho finalmente intrapreso il mio percorso di transizione».

«Abbiamo seguito quattro transgender nel percorso chirurgico del cambio di sesso, due di queste siero positive – racconta il professor Luciano Nigro, presidente regionale dell’LILA – Lega italiana per la lotta contro l’Aidsi tempi di risposta del giudice non sono lunghi e le spese mediche sono coperte dall’Asl. È però assurdo che per accedere all’iter bisogna chiedere il permesso ad un giudice – inoltre – non tutte le persone transessuali vogliono sostenere l’operazione, e molte vivono tutta la vita senza farlo».

Nei paesi dell’Unione europea le persone transgender che non si sono sottoposte a operazioni si stima siano un milione e mezzo. Regno Unito, Spagna, Portogallo, Germania, Austria sono paesi nei quali il riconoscimento giuridico dell’identità di genere non dipende dall’intervento demolitivo e ricostruttivo dei genitali, rispondendo così al pronunciamento 2003 della Corte europea dei diritti umani.

In Italia la legge proposta del senatore Sergio Lo Giudice (PD) interverrebbe proprio su questo punto, il cambio anagrafico del sesso diventerebbe competenza del prefetto che, ricevuta la richiesta accompagnata da certificazione medica di disforia di genere, autorizzerebbe, entro 30 giorni, la modifica dei documenti. Svincolandola così dall’intervento chirurgico.

«Stiamo conducendo una campagna di raccolta firme che sostiene la proposta di legge 405» spiega Vittoria che, insieme al collettivo studentesco Queer as unict, nato nell’ottobre 2013, invita a firmare su change.org la petizione lanciata da Michela Angelini.

«Oltre ai problemi burocratici, ci sono quelli culturali – racconta Demetra, ventiduenne iscritta a Medicina – Mi sorprende incontrare studenti omosessuali che ci seguono attentamente sui social network, ma che preferiscono scriverci in privato piuttosto che commentare i post  pubblicamente. C’è ancora un forte senso di solitudine e timore».

Solitudine che il gruppo Queer as unict, di cui Vittoria fa parte, sta cercando di spazzare con leggerezza e coraggio, esempio ne è la campagna di sensibilizzazione Scatta l’uguaglianza. La tua faccia contro il pregiudizio”. «Ci siamo detti, perché aspettare il 17 maggio, la giornata contro l’omofobia?».

«Lo stereotipo che più di ogni altro va eliminato dal sentire comune è quello: transessuale uguale prostituta. Sono una giovane studentessa come tutte le altre, non mi sono mai prostituita, non ho mai pensato di farlo e mai lo farò. Sogno una storia d’amore come tutte le mie coetanee» conclude sorridendo Vittoria.

Foto del redattore

M. Daniela Basile
 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni privacy policy.

Accetto i Cookie da questo sito.