Sei su: Cronaca Ciro Esposito: aggravate le condizioni del tifoso napoletano, ora in coma irreversibile

Ciro Esposito: aggravate le condizioni del tifoso napoletano, ora in coma irreversibile

E-mail Stampa PDF
FacebookGoogle bookmarkTwitterLinkter.huDiggUrlGuru.hu
Ciro Esposito: aggravate le condizioni del tifoso napoletano, ora in coma irreversibile
Aggravate le condizioni del tifoso napoletano Ciro Esposito, ferito prima della partita Napoli-Fiorentina del 3 maggio da un ultrà della Roma. Diffusa sul web la notizia della morte, ma familiari smentiscono: «Il suo cuore batte ancora».

Ricoverato al Policlinico Gemelli di Roma, il giovane tifoso Ciro Esposito versa in gravi condizioni dallo scorso 3 maggio; ovvero, dal giorno della finale di Coppa Italia segnata da un pre-partita carico di tensioni e sfociato nei colpi di pistola, da parte di un tifoso romanista, che hanno ferito Esposito. Il quadro clinico è tuttavia peggiorato nelle ultime ore: la causa sarebbe un'infezione polmonare.

Dopo svariati interventi e dopo essere stato posto sotto dialisi, Ciro Esposito è ora in coma irreversibile e la sua vita è appesa ad un filo, sebbene alcune notizie diffuse dai social media ne abbiano riportato la morte, con grande sdegno dei familiari che hanno prontamente smentito i falsi comunicati.

Dal giorno in cui il tifoso Ciro Esposito ha subìto le gravi lesioni, nei pressi dello Stadio Olimpico, i familiari gli sono stati quotidianamente vicini e la madre ha dichiarato di voler restare accanto al figlio fino all'ultimo; anche l'avvocato della famiglia Esposito, Angelo Pisani, ha espresso la sua vicinanza e ha fatto sì che l'installazione del maxi schermo a Scampia, in occasione del match Italia-Uruguay, venisse annullata.

A sparare, in quella fatidica giornata del 3 maggio, sarebbe stato l'ultrà romanista Daniele De Santis, arrestato e ora detenuto per tentato omicidio, dopo la fatale rissa innescata a seguito delle provocazioni lanciate in direzione dei tifosi napoletani.

Sulle sorti di Ciro Esposito, in coma irreversibile e dunque "clinicamente morto", si attendono ora ulteriori aggiornamenti dai medici del Gemelli, i quali si attendono il peggio.

Fonte foto: www.paeseroma.it

http://www.paeseroma.it/wordpress/wp-content/uploads/2013/01/immagine.POLICLINICO.GEMELLI-1024x654.jpg

Rossana Francesca Barbagallo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni privacy policy.

Accetto i Cookie da questo sito.