30-04-2017 16:41

OGGIMEDIA.IT

News, curiosità e tendenze sul web

Sei su: Nuove tecnologie Le proteste dei tassisti fanno “volare” Uber: è boom di download da Google Play e App Store

Le proteste dei tassisti fanno “volare” Uber: è boom di download da Google Play e App Store

E-mail Stampa PDF
FacebookGoogle bookmarkTwitterLinkter.huDiggUrlGuru.hu
uber cellulare taxi.jpg

Le proteste dei tassisti a Roma e nelle altre principali città italiane hanno fatto già registrare i primi risultati. Sono schizzate alle stelle, infatti, le registrazioni a Uber, l'innovativo servizio di trasporto automobilistico privato che permette di prenotare rapidamente un mezzo a quattro ruote per spostarsi in città.

A seguito delle manifestazioni - spesso accompagnate da episodi di ingiustificata violenza - che da giorni stanno letteralmente paralizzando il traffico cittadino, i viaggiatori italiani e i turisti che giungono nel nostro Paese non sono certo rimasti con le mani in mano ed hanno deciso di dare fiducia alla concorrenza californiana.

A partire da mercoledì 15 febbraio, data nella quale sono scoppiati i primi picchetti, i download dell'applicazione di Uber da Google Play per utenti Android e App Store per i clienti iOS hanno raggiunto vette mai viste. Sul negozio online di Mountain View, l'app di Uber è entrata nella top 100 delle classifiche dei prodotti più scaricati, passando dalla posizione 523 alla 84.

Altrettanto positivo il salto compiuto tra i dispositivi Apple. Se inizialmente l'applicazione era piazzata al 276° posto, nella serata di martedì 21 febbraio il servizio si è fissato in ventottesima posizione. Nei giorni precedenti l'app di Uber era stata capace di collocarsi anche nella posizione numero 18.

La rivolta dei tassisti si è trasformata, dunque, in un grande spot promozionale a favore del servizio concorrente. Il noleggio privato di Uber riserva, già di per sé, notevoli vantaggi tra i quali efficienza, rapidità e semplicità. Per utilizzarlo basta soltanto scaricare l'applicazione gratuita e digitare la corretta combinazione di orario, mezzo e prezzo della corsa.

I costi vengono automaticamente addebitati sulla carta di credito del cliente, senza la necessità di dover utilizzare denaro contante. Insomma, gli sviluppatori di Uber - e i clienti che usufruiscono del servizio - non possono che ringraziare i manifestanti: una pubblicità gratuità così massiccia non capita tutti i giorni.

Fonte Foto: www.autoblog.it

http://media.autoblog.it/6/610/app_car_uber.jpg

Salvatore Rocca

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni privacy policy.

Accetto i Cookie da questo sito.